Briatore: Il ricco deve spendere, altrimenti è come un povero !

Italia, riusciamo a sviluppare nuove infrastrutture e modernizzarci per rimanere al passo con i tempi ?

Riusciremo mai ad investire i soldi giusti nel modo giusto?

«Il ricco? Se non spende è come un povero». «Il reddito di cittadinanza è una caz…». «Tempo fa sono stato dalle parti di Taranto dove stavano costruendo un porticciolo turistico. Davanti al cantiere c’erano dei giovani ambientalisti che protestavano contro il progetto. Un po’ come se a Cortina se la prendessero con le seggiovie».

«Gli accordi presi dall’Italia con la Cina? Noi promuovevamo le arance, mentre la Francia vendeva gli Airbus».

«chi fa impresa nel turismo in questo Paese è un eroe», perché «l’Italia è un Paese comunista che vorrebbe tutti sfigati, un Paese dove vince la gelosia per i ricchi».

Queste, alcune parole di Flavio Briatore pronunciate sabato durante l’assemblea generale di Federalberghi tenutasi a Capri.

L’imprenditore, afferma che l’Italia ha bisogno di «infrastrutture, servizi e meno burocrazia. Siamo un Paese che non ama i ricchi» perché non ci sono le condizioni per farli spendere bene.
Racconta poi un aneddoto: nel turismo «serve modernità. Quando vengo a Roma alloggio sempre all’Excelsior, trent’anni fa le camere mi sembravano scintillanti, ma da allora non sono mai cambiate ». Persino l’atterraggio negli aeroporti italiani è problematico: «Dopo aver toccato terra a Fiumicino giorni fa ho impiegato due ore per sbrigare tutte le procedure e uscire dallo scalo». E figurarsi venerdì, dopo aver messo piede a Napoli: «Il mio aereo privato è dovuto ripartire per Roma» perché a Capodichino non c’era parcheggio per il velivolo. Imbarazzante il confronto tra le offerte del Belpaese e la Costa Azzurra: «Da Nizza sei a Montecarlo in un quarto d’ora, basta prendere un elicottero che paghi come un taxi. L’elicottero ti costa 97 euro e un taxi 110. La verità è che per il turismo di lusso ci vogliono infrastrutture e servizi, savoir faire. Così la gente spende volentieri».

Il Belpaese: patrimonio della cultura, della bellezza, della cucina, della moda che fa del turismo una fonte di reddito importante, può rimanere attaccato a vecchie idee e progetti ormai remoti.

Può, uno dei paesi con il potenziale invidiato da chiunque limitarsi a regolamenti limitanti e tempi di realizzazione troppo eccessivi e assurdi?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...