Il clima e le malattie

Come è ben noto, negli ultimi anni, il clima è cambiato e di conseguenza è peggiorata la salute…tumori e virus in aumento

I ricercatori del Mit, hanno osservato come, a fronte del generale aumento di un grado Celsius, le patologie psicologiche di media entità (depressione, stati di ansia, insonnia, paure, malesseri psichici generalizzati) sono salite del 2%.

Inoltre, secondo l’OMS, nel mondo circa il 50% dei decessi in età pediatrica è causato da diarrea, malaria e infezioni delle basse vie respiratorie, tutti fattori di rischio associati al cambiamento climatico.

In Italia, a fronte di un’analisi svolta su bambini residenti in 12 aree ha evidenziato un significativo incremento del 12% nei ricoveri pediatrici per cause respiratorie, associato ad una variazione della temperatura giornaliera.

Vediamo insieme gli eventi climatici di questo fine settimana:

Emilia-Romagna

Estesa a tutta la giornata di lunedì l’allerta meteo arancione in Emilia-Romagna. L’ultimo bollettino segnala diverse criticità come quella idraulica e idrogeologica. Ci si aspetta inoltre, diversi temporali su Romagna, Emilia orientale e pianura emiliana centrale. Venti sostenuti sul crinale appenninico, sulla costa e sulla Romagna. Il mare è molto mosso. A Parma nella serata di sabato le raffiche di vento hanno superato i 60 chilometri orari in città, causando cadute di rami che hanno danneggiato qualche auto. Chiusi i parchi cittadini mentre tre alberi, di cui uno secolare, sono caduti di fronte al cimitero centrale.

Lazio

Allagamenti in alcune strade a Roma a causa della pioggia. Chiuso fino alle 12,30 il sottopasso di via Appia Nuova all’altezza dell’Aereoporto di Ciampino.

Liguria

Il Centro Meteo Arpal della Liguria ha prolungato fino a lunedì l’avviso per vento di burrasca forte settentrionale. Gli anemometri hanno registrato alle 11 raffiche fino a 144 chilometri all’ora a Casoni di Suvero (La Spezia), di 131 km/h alle 6.20 a Monte Pennello (Genova), 120 km/h alle 11 al lago di Giacopiane (Genova), 99.7 km/h alle 8.10 al porto di Arenzano (Genova). Il vento continuerà a soffiare con possibili locali raffiche superiori ai 100/120 km/h.

Lombardia

Dal primo monitoraggio effettuato dalla Coldiretti emergono i danni provocati dalla grandine alle coltivazioni di frutta, mais, verdura, frumento, orzo, vigneti e a serre stalle che hanno visto i tetti scoperchiati.

La zona più colpita è quella a ovest di Milano. Colpita anche la zona di Melzo e in parte il Lodigiano. Maltempo anche sul basso varesotto (sabato pomeriggio l’aeroporto della Malpensa è stato bloccato a causa della grandine) e sulle province di Como e Lecco: danni alle piantine da poco seminate (anche per il freddo causato dall’arrivo della grandine), agli alberi da frutto e alle strutture. Una forte grandinata si è abbattuta su Pavia. Danni alle colture anche nel Mantovano. Nel Bresciano si sono registrati due vittime. A Rudiano (Brescia) una tromba d’aria ha divelto alberi e sollevato le coperture di una stalla. Sempre in Lombardia, in provincia di Sondrio, a causa di una bufera di neve è stata chiusa la strada statale 36 a Madesimo. A Pozzo d’Adda i pompieri sono intervenuti per mettere in sicurezza un campanile.

Veneto

In Veneto ci sono stati 170 interventi del Vigili del fuoco. Particolarmente colpito il Vicentino, con allagamenti, rimozione piante dalla sede stradale e smottamenti soprattutto nella zona di Schio. Una decina gli interventi in provincia di Padova.

Categorie:EVENTI

Tagged as: , , ,

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...