“Cara” Italia

Analizzando il recente studio proposto dall’Istat (Istituto nazionale di statistica), vediamo insieme quali sono i dati dell’inflazione delle regioni e dei capoluoghi di regione e comuni con più di 150 mila abitanti, in base ai quali, l’UNC (Unione Nazionale Consumatori) ha stilato la classifica delle città e delle regioni più care d’Italia, in termini di aumento del costo della vita.

I capoluoghi e le città

Secondo lo studio dell’associazione di consumatori, in testa alla classifica dei capoluoghi e delle città con più di 150 mila abitanti più care in termini di rincari, si conferma la città di Bolzano che, con un’inflazione a +1,8%, ha la maggior spesa aggiuntiva, equivalente, per una famiglia tipo, a 598 euro su base annua.

Al secondo posto, troviamo la città di Brescia dove il rialzo dei prezzi dell’1,5%, determina un aumento del costo della vita, per la famiglia media, pari a 440 euro.

Nel gradino più basso del podio si posiziona Verona, dove, pur essendoci un’inflazione superiore a Brescia, +1,6%, l’aggravio annuo di spesa è inferiore, pari a 421 euro.

La città più conveniente, in termini di minori rincari, risulta essere Perugia dove l’inflazione a +0,3% genera un esborso addizionale annuo di 67 euro. Al secondo posto Reggio Calabria (+0,5%, pari a 94 euro) e al terzo Cagliari, +0,6%, con un aumento del costo della vita pari a 118 euro.

CittàRincaro annuo per la famiglia tipo (*)Inflazione annua di aprile
Bolzano5981,8
Brescia4401,5
Verona4211,6
Reggio Emilia4211,5
Modena4211,5
Milano3841,3
Trieste3711,5
Bologna3671,3
Parma3371,2
Genova3241,4
Torino3181,2
Bari3141,5
Aosta3081,2
Ravenna2811
Trento2791,1
Livorno2681
Catania2561,3
Messina2541,3
Napoli2321,1
Venezia2120,8
Padova2110,8
Roma1930,8
Palermo1770,9
Catanzaro1690,9
Firenze1620,6
Ancona1300,6
Potenza1270,6
Cagliari1180,6
Reggio Calabria940,5
Perugia670,3

Le regioni più costose

La prima classificata tra le regioni più costose in termini di maggior spesa, è il Trentino Alto Adige, che con l’inflazione a +1,5 registra, per una famiglia tipo, una somma pari a 425 euro su base annua.

La Lombardia si posizione al secondo posto, dove l’incremento dei prezzi pari all’1,2% implica un’impennata del costo della vita pari a 342 euro.

Terza la Liguria, dove, pur essendoci un’inflazione all’1,5%, pari al Trentino, si ha un salasso annuo di 332 euro.

L’Umbria è la regione con meno rincari, con un’inflazione dello 0,5% che si traduce in una spesa aggiuntiva di 108 euro.

RegioniRincaro annuo per la famiglia tipo (*)Inflazione annua di aprile
Trentino Alto Adige4251,5
Lombardia3421,2
Liguria3321,5
Emilia-Romagna3261,2
Valle d’Aosta3171,2
Piemonte2811,1
Friuli-Venezia Giulia2631,1
Puglia2591,3
Veneto2551
Sicilia2431,3
Toscana2340,9
Abruzzo2331,2
Lazio2080,9
Marche1880,9
Campania1600,8
Calabria1430,8
Sardegna1310,7
Basilicata1220,6
Umbria1080,5

Categorie:NOTIZIE

Tagged as: , , , ,

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...