Come sarà il nostro futuro?

Chi vivrà vedrà…

Chissà cosa ci preserva il futuro ma soprattutto chissà se dovremo cambiare le nostre abitudini.

Si discute sempre più del cambiamento climatico sul nostro pianeta.

A seguire poche righe a seguito di alcuni studi recenti.

I cambiamenti climatici portano un’evoluzione nella vita dell’ uomo. Ma non tutti sanno che questi cambiamenti potrebbero portare alla sparizione nelle nostre tavole di alcuni cibi.

Gli amanti del cioccolato ad esempio potrebbero vedere vanificata la loro golosità, così come anche i cultori della tazzina del caffè.
Alcune ricerche parlano della sparizione della tazzina al bar intorno al 2080. Ancora peggio il cioccolato la cui scomparsa secondo gli esperti è ipotizzato nel 2020 se non si corre al riparo occupandoci seriamente e maggiormente delle piantagioni.

Ma il timore più grande per l’uomo è la sopravvivenza e la tutela delle api importantissimi per tutto il nostro ecosistema.

La Coldiretti lancia l’allarme: a causa del clima FOLLE della primavera 2019, quest’anno la produzione di miele è praticamente azzerata.

La causa principale, sembrerebbe il meteo estremo degli ultimi mesi: dopo una prima parte dell’anno con un andamento climatico siccitoso (soprattutto tra Febbraio e Marzo) i mesi di Aprile e Maggio si sono rivelati particolarmente capricciosi, con tantissima pioggia, forti temporali, grandinate e con sbalzi termici piuttosto importanti, che hanno danneggiato irreparabilmente interi raccolti.

In questo scenario completamente stravolto le api non sono riuscite a trovare nettare sufficiente da portare nell’alveare.

Categorie:NOTIZIE

Tagged as: , , , , ,

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...